Pazar, Temmuz 14

L’endoscopia e la colonscopia sono vitali per tutti gli over 45 – SALUTE

Specialista in Medicina Interna e Gastroenterologia Dr. dell’Ospedale Gaziosmanpaşa dell’Università Yeni Yüzyıl. Ayça Gökçen Miller Saltürk; Ha raccomandato a chiunque abbia più di 45 anni di sottoporsi a “endoscopia e colonscopia”, che è un importante metodo di screening per le malattie tumorali, anche se non presentano disturbi. Gli esperti affermano che c’è una certa disinformazione tra il pubblico su entrambi gli screening e che alcune persone sono preoccupate per questo motivo, e sottolineano che la procedura eseguita dalle istituzioni sanitarie e dai medici è estremamente importante. Ayça Gökçen Miller Saltürk; La gastroenterologia è la branca della scienza che si occupa della diagnosi e della cura delle malattie dell’esofago, dello stomaco, dell’intestino tenue e dell’intestino crasso (colon), detto anche apparato digerente, nonché delle malattie del fegato, delle vie biliari e del pancreas . I polipi si riscontrano in una persona su quattro di età superiore ai 45 anni. Poiché i polipi possono potenzialmente trasformarsi in cancro in futuro, gli individui di età superiore ai 45 anni dovrebbero essere sottoposti a screening anche se non presentano disturbi. Sfortunatamente, sarà troppo tardi quando si svilupperanno le loro lamentele. In mani esperte l’endoscopia non è un metodo da temere, al contrario, è un metodo che ti connette alla vita.’ mentre dici; Ha fornito informazioni sulle cose che devono essere prese in considerazione in entrambe le transazioni.Cos’è l’endoscopia? Se guardiamo al significato esatto della parola endoscopia, endo significa interno e scope significa vista. Endoscopia significa esame interno. Per spiegarlo un po’, si tratta della scansione di organi tubolari cavi con una telecamera a fibre ottiche con una luce all’estremità. In effetti, endoscopia è il nome generale di tutte queste procedure. Per quanto riguarda la nostra branca, l’esame dell’esofago, dello stomaco e del duodeno si chiama gastroscopia, mentre l’esame dell’ultima parte dell’intestino crasso e dell’intestino tenue si chiama colonscopia.Per chi è fatto? L’endoscopia può essere eseguita su tutte le fasce d’età. Finché il medico stabilisce che il paziente non corre un rischio di vita durante la procedura, l’età del paziente o altre malattie non impediscono l’endoscopia. L’endoscopia deve essere eseguita su pazienti con disturbi cronici. Questi sono: * Diarrea * Anemia * Alitosi * Sanguinamento dalla bocca o dall’ano * Difficoltà a deglutire * Reflusso * Mal di stomaco * Indigestione * Vomito * Nausea * Perdita di peso * Sensazione di bruciore al centro del petto * Pazienti con sospetta malattia celiaca * Quelli con una storia familiare di cancroL’endoscopia deve essere eseguita in una determinata fascia di età? Si raccomanda che tutti gli individui di età superiore ai 45 anni si sottopongano a endoscopia del sistema gastrointestinale superiore e inferiore come metodo di screening del cancro, anche se non presentano disturbi. I tumori del sistema gastrointestinale sono tipi di cancro che possono essere prevenuti con una diagnosi precoce. I polipi si riscontrano in una persona su quattro di età superiore ai 45 anni. Poiché i polipi possono potenzialmente trasformarsi in cancro in futuro, gli individui di età superiore ai 45 anni dovrebbero essere sottoposti a screening anche se non presentano disturbi.Possiamo dire che l’endoscopia è anche un metodo operativo o terapeutico? Naturalmente, l’endoscopia viene utilizzata sia come metodo di trattamento che come metodo diagnostico. Ad esempio, 20-30 anni fa, una persona che soffriva di emorragia gastrica poteva essere fermata solo rimuovendo parte o tutto lo stomaco durante l’operazione, ma ora, grazie ad alcuni farmaci vasocostrittori e alle clip utilizzate durante la procedura endoscopica, l’emorragia si concentra possono essere reperiti e si può intervenire direttamente sulla zona. In questo modo il paziente viene salvato dal dover sottoporsi ad un intervento chirurgico importante e può tornare alla sua vita quotidiana nel giro di pochi giorni. Inoltre, non presentano complicazioni legate alla chirurgia e alla perdita di organi.Esiste un particolare gruppo di pazienti per il quale viene eseguito? Può essere fatto a chiunque abbia i reclami sopra elencati; Ma ci sono alcune lamentele che chiamiamo allarme o bandiera rossa. Queste lamentele ci fanno pensare che esista un’alta probabilità di una grave malattia di base. Quando si verificano questi disturbi, è necessaria l’endoscopia. Questi sono: – Perdita di peso improvvisa e anomala – Sanguinamento nascosto durante la defecazione o sanguinamento significativo dalla bocca o dall’ano – Dolore addominale che ti sveglia di notte – Dolore che continua nonostante il trattamento – Nuova insorgenza di cambiamenti nella defecazione (diarrea o stitichezza) – Anemia – Difficoltà a deglutire – Vomito persistente – AnoressiaCos’è un polipo? È possibile eliminare i polipi nella stessa seduta? I polipi sono escrescenze tissutali anomale, per lo più sotto forma di vescicole, che si verificano nello strato (mucosa) che ricopre le superfici dei nostri organi cavi. Sono spesso di piccole dimensioni e appaiono in due forme diverse. La maggior parte dei polipi sono benigni; Tuttavia, poiché dietro la loro formazione c’è una crescita anormale delle cellule, queste possono diventare maligne se non vengono trattate o rimosse dal corpo. Possibilità di trasformarsi in cancro; varia a seconda di dove si formano, del motivo per cui si formano e da quanto tempo esistono. Poiché i polipi formati nello stomaco di solito non causano sintomi, vengono rilevati casualmente durante l’endoscopia quando l’endoscopia viene eseguita per un motivo diverso. La maggior parte di questi polipi non causano il cancro; Tuttavia, è opportuno eseguire la polipectomia poiché alcuni tipi potrebbero diventare cancerosi negli anni successivi. I polipi intestinali sono uno dei tipi più comuni di polipi. I polipi intestinali possono essere riscontrati in una persona su quattro di età superiore ai 45 anni. Pertanto, si raccomanda che le persone di questa fascia di età vengano sottoposte regolarmente a screening per i polipi intestinali. Mentre i tipi iperplastici di questi polipi, più comuni negli uomini che nelle donne, non si trasformano in cancro, i cosiddetti tipi adenomatosi possono trasformarsi in cancro se crescono. I polipi vengono rimossi mediante polipectomia durante l’endoscopia. Non è necessaria una seconda sessione. La probabilità di sanguinamento e perforazione al termine di questa procedura è bassa. Dopo la procedura, il paziente viene tenuto sotto osservazione nell’unità di endoscopia per 1-2 ore e poi può essere dimesso a casa e tornare alla sua routine.Cos’è una colonscopia? Colonscopia; È il processo di esame dell’estremità dell’intestino crasso e dell’ultima parte dell’intestino tenue con una telecamera a fibre ottiche illuminata. La colonscopia può essere eseguita a scopo di screening, nonché a scopo diagnostico e terapeutico. Colonscopia; Dovrebbe essere effettuato nei pazienti che lamentano dolore addominale, perdita di peso, diarrea, stitichezza e sanguinamento rettale. È raccomandato a scopo di screening nelle persone di età superiore ai 45 anni che non presentano disturbi. Il rischio di cancro al colon aumenta oltre i 45 anni. I polipi del colon sono precursori del cancro dell’intestino (colon). I polipi sono formazioni intestinali che si sviluppano a seguito di una crescita anomala dello strato chiamato mucosa presente sulla superficie dell’intestino crasso verso il tratto intestinale (lume). Il processo di rimozione di un polipo con l’aiuto dell’endoscopia è chiamato polipectomia. Il paziente non avverte dolore durante la procedura di polipectomia. I diametri dei polipi possono variare da pochi millimetri a pochi centimetri. Dopo la polipectomia, i polipi vengono inviati alla patologia e vengono determinati la struttura e il carattere del polipo. A seconda delle dimensioni e delle caratteristiche dei polipi, al paziente viene impedito di sviluppare il cancro del colon eseguendo lo screening colonscopico in determinati momenti.Oltre alla gastroscopia e alla colonscopia, esistono altre procedure endoscopiche eseguite dalla gastroenterologia? UE; L’ecografia endoscopica è uno strumento utilizzato per visualizzare i tessuti e gli organi dell’apparato digerente grazie al piccolo dispositivo ad ultrasuoni situato sulla punta dell’endoscopia. Aiuta nella diagnosi poiché mostra la presenza di varie masse e lesioni. L’EUS non indica solo la presenza di malattie. Permette di misurare la dimensione di cisti, fanghi, calcoli, noduli e tumori negli organi trovati, valutarne la struttura interna ed eseguire biopsie per fare una diagnosi ERCP; La colangiopancreografia retrogrande endoscopica è un metodo frequentemente utilizzato nella diagnosi e nel trattamento delle malattie dei dotti biliari e del pancreas. Con il metodo ERCP, il trattamento delle malattie in quest’area può essere effettuato senza la necessità di metodi chirurgici. ERCP è un metodo utilizzato sia per la diagnosi che per il trattamento. Poiché con questo metodo è possibile visualizzare condizioni come calcoli, tumori, restringimenti o ostruzioni, il metodo ERCP offre un grande vantaggio in termini di diagnosi. Allo stesso tempo, questo metodo può essere utilizzato anche a scopo terapeutico, poiché consente procedure come lo sbloccaggio dei canali o l’inserimento di stent. Quali sono i rischi di questi metodi? L’endoscopia è una procedura con rischi molto bassi. I farmaci somministrati per la sedazione durante la procedura possono raramente causare anomalie del ritmo cardiaco e della frequenza respiratoria o effetti collaterali allergici. Durante la procedura possono verificarsi condizioni indesiderate come sanguinamento e perforazione del tratto gastrointestinale e, molto raramente, disturbi cardiaci e circolatori, batteriemia (microbi che si mescolano con il sangue), lesioni dovute alla posizione sdraiata o danni ai denti. Il rischio di sanguinamento e perforazione può aumentare leggermente in casi quali la rimozione del polipo, l’espansione dovuta ad alcune procedure endoscopiche eseguite a scopo terapeutico e l’intervento su lesioni sanguinanti.Quali dovrebbero essere i preparativi prima dell’endoscopia? Durante il processo di preparazione prima dell’endoscopia, ai pazienti viene generalmente chiesto di presentarsi alla procedura affamati. Questo stato di digiuno dura circa 8-10 ore. Per poter eseguire un esame dettagliato durante la procedura, lo stomaco e l’intestino devono essere vuoti. Se i pazienti hanno farmaci che usano abitualmente, si raccomanda che li assumano sotto la supervisione di un medico o non li prendano affatto; Tuttavia, il paziente può assumere farmaci obbligatori come farmaci per la pressione sanguigna e per la tiroide con 1-2 sorsi d’acqua. Soprattutto se vengono utilizzati farmaci per fluidificare il sangue, i pazienti vengono avvisati di interrompere questi farmaci 5-7 giorni prima della procedura, con l’approvazione del medico, a seconda del loro contenuto. Se non è possibile interrompere la terapia con farmaci anticoagulanti, è necessario avvisare il medico durante la procedura endoscopica. Ai pazienti viene somministrata sedazione prima dell’endoscopia. La sedazione è il processo che induce il paziente a dormire semi-sonno iniettando nella vena farmaci anestetici leggermente efficaci. In questo modo la procedura viene eseguita senza che il paziente sia esposto a pesanti farmaci anestetici e senza alcun dolore. Gli effetti di questi farmaci sono molto brevi e i pazienti possono tornare alla normale routine di vita entro 1-2 ore. Tuttavia, i pazienti sottoposti a sedazione sono avvisati di non fare nulla che richieda attenzione nello stesso giorno. Se si mangia o si beve qualcosa prima dell’endoscopia, non sarà possibile ottenere una buona immagine perché lo stomaco e l’intestino saranno pieni durante la procedura -10 ore di esposizione prima della gastroscopia sono sufficienti e non è necessaria alcuna altra preparazione. Prima della procedura di colonscopia viene informata la dieta che possono seguire. Dopo una colazione leggera il giorno prima, i pazienti vengono nutriti solo con cibo liquido senza cereali e acqua. Il giorno prima della colonscopia, si consiglia ai pazienti di bere 3-4 litri di acqua insieme a farmaci per la pulizia dell’intestino. Si consiglia di consumare una dieta a base liquida fino alle 00:00 di notte. Allo stesso tempo, anche bere alcolici prima dell’endoscopia e fumare la mattina dell’intervento sono estremamente rischiosi. Non c’è nulla di male nel bere succo di ananas, succo di mela, tè e una piccola quantità di caffè turco come liquidi insieme all’acqua. A partire dalle 00:00 di notte è necessario smettere completamente di consumare cibi e bevande. Dopo la procedura possono verificarsi gas, gonfiore, crampi e mal di gola. Questi sono disturbi temporanei che non disturbano molto il paziente.Con quale frequenza è possibile ripetere le procedure dopo averle eseguite? Non c’è nulla di male nel fare il processo uno dopo l’altro. In casi molto particolari, la procedura può essere ripetuta anche lo stesso giorno. Fonte: (guzelhaber.net) Beyaz News Agency

—–Link sponsorizzati—–

—–Link sponsorizzati—–

Bir yanıt yazın

E-posta adresiniz yayınlanmayacak. Gerekli alanlar * ile işaretlenmişlerdir

Sponspor Bağlantılar: ilkses gazetesi - ilkhaber gazetesi - Bursa Hayat - Yeni Bakış - Antalya Haber
marsbahis giriş